Giacomo Marramao, 2005

"[…] Trovo che la cifra più straordinaria del discorso che fai attraverso le tue opere è proprio questa idea della 'venuta', del misterioso punto di sutura tra caso e destino, contingente e necessario. […] come un campo di tensioni in equilibrio:
di un interstizio in cui si produce lo spartiacque tra tempo ed eternità.
Ed è in quello spazio interstiziale che accade l’evento. Qualcosa 'arriva' […] Dio me lo immagino come l'irrompere dell‘evento, attraverso quell‘interstizio: come ciò che ci viene repentinamente incontro passando per un margine pericolosamente minimo […]."

 

Giacomo Marramao, in Da un colloquio tra Bruno Pinto e Giacomo Marramao, in Di fronte e attraverso. Antologica di Bruno Pinto, Mazzotta, Milano 2005 cit., p. 291.