Paolo Crepet, 2003

"[…] Noi siamo molto bravi a vedere i talenti solo quando non ci sono più.
Sono i grandi giochi della nostra cultura, da vivi prevale l’invidia, prevalgono dei sentimenti abbastanza biechi, però le celebrazioni riusciamo a farle con i decennali con i centenari. […]
Quindi mi fa piacere che si vedano le sue opere, mi hanno molto preso, molto coinvolto […]. Se noi usassimo un po’ più di umiltà e un po’ meno arroganza nel guardarvi riusciremmo a scoprire qualche verità in più."

 

Paolo Crepet, intervento alla mostra Bruno Pinto. Dopo il Silenzio, a cura di Peter Weiermaier, con contributi di, Massimo Cacciari, Valerio Dehò, Galleria d'Arte Moderna, Bologna 2003.




Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalitÓ tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalitÓ come specificato nella cookie policy.
Chiudendo questo banner con la crocetta o cliccando su "Rifiuta", verranno utilizzati solamente cookie tecnici. Se vuoi selezionare i cookie da installare, clicca su "Personalizza". Se preferisci, puoi acconsentire all'utilizzo di tutti i cookie, anche diversi da quelli tecnici, cliccando su "Accetta tutti". In qualsiasi momento potrai modificare la scelta effettuata.